Il vostro browser è obsoleto.

Al fine di utilizzare il nostro sito web in tutte le funzioni, è necessario che installiate una versione attuale del browser. Qui troverete l’elenco dei browser nelle versioni consigliate.



DISEGNI AEREI

Quattro mobiles, pezzi unici di Ib Geertsen, il principale rappresentante danese dell’arte concreta, all’asta di design del 7 ottobre 2020


Per lui erano “disegni nell’aria”: Ib Geertsen (1919 2009), figura di spicco del Concretismo danese, scelse mobiles alti fino a tre metri come una delle tante forme espressive della sua arte. Quattro esempi particolarmente significativi – tutti pezzi unici – saranno offerti da Dorotheum all’asta online di design il 7 ottobre 2020.

Dalla collezione privata dell’artista, e successivamente da una collezione privata belga, proviene l’opera giovanile “Cirkelmobile”, un pezzo unico di 1,5 per 1,1 metri. Il mobile in ferro verniciato nero e blu, realizzato nel 1954, si presenta come un disegno tridimensionale in movimento: appeso al soffitto o ad un ramo, e mosso da correnti d’aria o dal vento, esso è continuamente cangiante in maniera giocosa e poetica (stima € 30.000 – 36.000).

Linee più sottili ed energiche caratterizzano il mobile del 1967, rosso e azzurro e lungo ben 2,5 metri nella sua estensione maggiore (€ 12.000 – 18.000). Da intendersi come mobiles sono anche altre due opere di Ib Geertsen, progettate in ampi nastri di alluminio verniciati in rosso e blu: “Tegn I” come “Tegn IV” (1958-62), letteralmente “segno”, sembrerebbero suggerire due diversi caratteri di un alfabeto sconosciuto. O, forse, spartiti musicali: vi sono infatti interpreti che vedono nel mobile la “musica da camera fatta di atmosfera” di Ib Geertsen (€ 8.000 – 12.000, € 8.000 – 15.000).

Il termine mobile risale a Marcel Duchamp, che lo utilizzò a partire dagli anni Trenta per riferirsi alle prime opere di Alexander Calder.

Geertsen, artista incline ad uno stile aperto che trascende i confini di genere, creò principalmente colorati dipinti astratti, spesso nella sua tipica forma a goccia, e decorò numerosi edifici pubblici e parchi in Danimarca con dipinti e sculture (interagibili). Egli fu uno dei membri fondatori del gruppo “Linien II”, che tra il 1949 e il 1952 unì l’arte concreta danese a quella internazionale.

Dal 1900 ad oggi
L’asta si concentra principalmente sul design di “mid-century” e quello contemporaneo, con un arco che inizia dai mobili in legno ricurvo di primo Novecento e prosegue attraverso il Bauhaus. L’offerta comprende un insieme di mobili standard della “Cucina di Francoforte” di Margarete Schütte-Lihotzky (€ 10.000 – 15.000). Figurano inoltre una serie di sei sedie a S modello 275 (€ 20 000 – 30 000), disegnate da Verner Panton nel 1956, ed una serie di quattro sculture in ceramica di grandi dimensioni, disegnate da Alessandro Mendini nel 2008, per Superego Editions  (€ 20.000 – 28.000). Nell’ambito del design contemporaneo, un tavolino poggialibro “Bookworm” disegnato da Ron Arad nel 1993 (€ 7.000 - 12.000) e un mobile bar modello “Bertrand”, disegnato da Massimo Iosa Ghini per Memphis Milano nel 1987 (€ 7.000 - 12.000) arricchiscono ulteriormente l’offerta.

DESIGN
Asta online su www.dorotheum.com | fino a mercoledì, 7 ottobre 2020, ore 15.00
Esposizione | a partire dal 30 settembre 2020
Luogo | Palais Dorotheum, Vienna 1, Dorotheergasse 17
Esperti | Dott.ssa Gerti Draxler, tel. +43-1-515 60-226, gerti.draxler@dorotheum.at
Sign. Mathias Harnisch, MA, tel. +43-1-515 60-242, mathias.harnisch@dorotheum.at


Immagini:

Ai fini redazionali, le immagini riguardanti le aste Dorotheum possono essere utilizzate gratuitamente. Si prega di indicare le didascalie fornite e le informazioni sul copyright. L’utilizzo per altri scopi vi preghiamo di contattare preventivamente Dorotheum, per chiarire che siano libere da diritti di utilizzo, diritti d’autore e da copyright.